Analisi – Maternità surrogata in Ucraina: L’ascesa o il declino? Un mercato internazionale redditizio

Published 25/02/2019 in Sanità, Società

Analisi – Maternità surrogata in Ucraina: L’ascesa o il declino? Un mercato internazionale redditizio

Veronika Siegel (Università di Berna)

La quintessenza

Per diversi anni, l’Ucraina è in forte espansione come la direzione internazionale della maternità surrogata, anche per le coppie tedesche. Questo articolo descrive questo sviluppo e mostra la posizione dell’Ucraina nel campo della maternità surrogata come un “compromesso etico” usando programmi economici All Inclusive. Allo stesso tempo, le agenzie e le cliniche ricorrono spesso a strategie di marketing aggressive, moltiplicando le paure e le speranze delle persone che vogliono diventare genitori. Così ha fatto il proprio nome BioTexCom. Nel luglio 2018, nella clinica si è verificato uno scandalo che potrebbe portare a cambiamenti legali di vasta portata.

Introduzione

Nel frattempo, la registrazione burocratica della maternità surrogata in all’ambasciata tedesca si è trasformato in un “nastro trasportatore” a Kiev, come ha raccontato il dipendente dell’ufficio legale e consolare. Nel 2014 c’erano solo 12 coppie tedesche venute in Ucraina per la maternità surrogata; nel 2017 il loro numero era già 89. Il lavoro specifico per questi casi è la parte principale del loro lavoro. Sebbene nel 2018 il numero di coppie diminuisse un po’ – in totale c’erano 79 casi, ma lo è certo che: Negli ultimi anni, l’Ucraina è diventata una delle mete più popolari di maternità surrogata internazionale. Secondo un altro dipendente della sezione legale e consolare, anche le ambasciate di altri paesi hanno registrato un aumento significativo dei casi di maternità surrogata: Insieme alle coppie dalla Germania, dove la maternità surrogata è vietata dalla legge sulla protezione degli embrioni (ESchG) – le coppie che vogliono diventare genitori vanno in Ucraina, principalmente dalla Spagna, dalla Francia e dagli Stati Uniti. Ma questo aumento può avere una fine.

Nuovo operatore nel mercato globale della “Medicina della riproduzione”

L’attività delle tecnologie di riproduzione assistita in Ucraina è fiorita da quando la maternità surrogata commerciale in molti paesi è stata completamente vietata o limitata ai cittadini del paese. Queste modifiche alla legge sono state causate da una serie di scandali. L’indignazione mondiale è stata causata dal caso di “Baby Gammy” nel 2014, quando una coppia australiana ha lasciato un bambino con trisomia 21 ad una madre surrogata thailandese. Successivamente, la Thailandia ha introdotto leggi più restrittive. Seguirono Nepal, Cambogia e Messico, chiudendo le loro porte alle coppie straniere che desideravano diventare genitori.

Nel frattempo, l’Ucraina sta diventando uno dei pochi paesi in cui è consentita la maternità surrogata commerciale. Già nel 1991, nello spazio post-sovietico nella città ucraina di Kharkov, avviene la prima nascita di un bambino avvenne attraverso una madre surrogata. Quanti bambini sono nati da allora ogni anno grazie a questa particolare tecnologia riproduttiva è sconosciuto. Sebbene ci siano statistiche ufficiali, ma hanno poco da dire, poiché le cliniche non sono obbligate a trasmettere le informazioni al Ministero della Salute. Ma si stima che il numero delle nascite da maternità surrogata è di circa 500 ogni anno; alcune fonti parlano addirittura di 2000.

Il quadro giuridico per i programmi di maternità surrogata è il Codice civile e familiare dell’Ucraina, nonché le basi della legislazione ucraina in materia di assistenza sanitaria e la procedura per l’utilizzo delle tecnologie di riproduzione assistita in Ucraina. Sulla base di questi principi il programma di maternità surrogata è aperto solo alle coppie sposate eterosessuali. Loro devono dimostrare di non poter concepire un bambino in modo “naturale”, cioè una donna non può avere una gravidanza. Insieme a tale adeguamento che almeno un genitore deve essere geneticamente legato al bambino, si stabilisce anche che la madre surrogata non dovrebbe essere geneticamente legata al bambino. In tal modo, la “maternità surrogata gestazionale” dal latino (gestare-portare) è separata da “surrogacy tradizionale”, in cui la madre surrogata è anche la madre biologica del bambino. Dal 1978, quando il bambino è nato con l’inseminazione artificiale, e questa tecnologia è stata successivamente ottimizzata ed è diventata applicabile per le masse, la maternità surrogata tradizionale è stata praticata solo in rari casi. Da un punto di vista legale, etico ed emotivo, la maternità surrogata gestazionale è considerata più facile perché la differenza tra una donna che vuole diventare madre e gestare è ovvia. Questa unicità è importante anche per le madri surrogate – molti non riescono a immaginare cosa significhi “abbandonare un bambino” con il quale sono geneticamente legati. In una società in cui la parentela è determinata attraverso i geni, il legame genetico mancante è un aiuto alla distinzione. Ulteriore delineazione consente il fatto che la madre surrogata in base alla legge dovrebbe avere il loro bambino.

Molte madri surrogate crescono i propri bambini da sole e spesso si ritrovano in situazioni finanziarie difficili. Grazie alla maternità surrogata, loro possono dedicarsi ad attività che sono fattibili insieme alla cura dei propri bambini e promettono buoni profitti. La maggior parte delle donne indica che vogliono comprare il proprio appartamento con questi soldi. Non nascondono i loro motivi economici. Molte considerano la maternità surrogata come un lavoro e indicano il loro atteggiamento verso le agenzie e le persone che vogliono diventare genitori come un rapporto di lavoro. Anche se la maternità surrogata dovuta a tale discorso diventa normale per tutti i partecipanti, tale pratica in Ucraina è considerata dal punto di vista della società illegittima e moralmente molto condannata. Lo stigma è sollevato principalmente dalle forze conservatrici e religiose nel paese. Le madri surrogate quindi spesso nascondono la loro gravidanza e, a partire dal 6° mese, si nascondono dietro le pareti delle cliniche di trattamento dell’infertilità per evitare sguardi curiosi e domande indesiderate. Non vogliono essere conosciuti come peccatori che vendono i loro corpi e i loro figli per soldi veloci..

Direzione Ucraina come compromesso etico

Lo sviluppo dell’inseminazione artificiale e la scissione della maternità in tre “ruoli” (genetica, intenzionale e madre portatrice) hanno permesso di alleviare i dubbi morali che le madri surrogate danno via i “loro” figli. Eppure la maternità surrogata, prima di tutto nella sua forma commerciale, è ancora considerata una pratica molto condannata. Il punto centrale di critica è il pericolo di sfruttamento. Il pericolo viene amplificato per molti dal fatto che la gravidanza è considerata un atto intimo, emotivo e privato che non deve obbedire alla logica del marketing. Lo sfruttamentopuò essere espresso, tra le altre cose, che una donna a causa della situazione finanziaria diventa madre surrogate e le persone che vogliono diventare genitori, le agenzie e le cliniche stanno usando questa situazione piccante a loro favore. Se consideriamo le discussioni che circolano nei mass media sulla possibile nomina di maternità surrogata, allora a questo proposito viene mostrata la “gerarchia etica” riguardo al tema dello sfruttamento. Gli Stati Uniti sono considerati l’opzione più eticamente corretta: i motivi altruistici sono attribuiti alle madri surrogate degli Stati Uniti e si incontrano con i futuri genitori allo stesso livello. Le madri surrogate del sud globale, al contrario, sono spesso associate alla povertà e allo sfruttamento..

In questo spettro etico, l’Ucraina si posiziona con successo nel mezzo e come “compromesso”. Mentre i prezzi per la maternità surrogata negli Stati Uniti partono da 100.000 euro, in Ucraina i pacchetti All inclusive costano tra 30.000 e 40.000 mila. Questi pacchetti comprendono procedure mediche e legali, nonché gli stipendi di madri surrogate. Nonostante i prezzi relativamente bassi, la stessa nuova atmosfera coloniale non si è aggrappata al “turismo riproduttivo” ucraino, come nel caso della Thailandia e dell’India. I futuri genitori e le agenzie non si stancano di dire che l’Ucraina è abbastanza e “sviluppata” ed “europea”, al fine di consentire alle donne di prendere decisioni libere a favore della maternità surrogata.

Eppure, le differenze economiche tra i futuri genitori e le madri surrogate sono così straordinarie che qui, come in altri paesi con bassi salari, il discorso caritatevole e filantropico si manifesta spesso. Così, in un forum internazionale per i futuri genitori, una donna scrive: “Grazie alla maternità surrogata in Ucraina, aiutiamo queste donne e le loro famiglie a fare soldi”. In effetti, il profitto dovuto alla maternità surrogata in relazione allo stipendio medio ucraino è molto elevato. Mentre molte madri surrogate lavorano e guadagnano non più di 250 euro al mese, riceveranno circa 10.000 euro per la gravidanza. In confronto negli Stati Uniti, le madri surrogate ricevono tra 25.000 e 30.000 mila euro. Questo contrasto è spesso attratto dai genitori-clienti e dalle agenzie intermedie per seppellire il rimprovero in atto: con un guadagno così alto, non ci può essere alcuna questione di sfruttamento. Da questo punto di vista, la maternità surrogata diventa una soluzione, non un sintomo di disuguaglianza globale. Per quanto riguarda l’Ucraina, questa discussione cade su un terreno particolarmente fertile dal 2014, quando sono scoppiati disordini politici ed economici. È aumentato il numero di potenziali madri surrogate causate dal conflitto Russia-Ucraina e dalla conseguente recessione economica. La maggior parte di queste donne tra i 20 ei 35 anni proviene dall’Ucraina centrale e orientale. Molti prendono parte a programmi di maternità surrogati a Kyiv o Kharkiv. Alcune raggiungono anche Mosca o San Pietroburgo – un viaggio lontano, che intraprendono sulla base di un’alta ricompensa. Inoltre, la distanza aumenta l’anonimato e quindi protegge dallo stigma morale. Cominciando con il conflitto tra Ucraina e Russia il viaggio è diventato più difficile e il numero di madri surrogate ucraini nelle cliniche russe per l’infertilità è diminuito.

Il discorso caritatevole di futuri genitori e agenzie dovrebbe essere letto come una reazione diretta alle pesanti critiche della maternità surrogata. Mentre i futuri genitori, sulla base di questa critica, devono servire determinati discorsi legittimi, gli stessi discorsi sono integrati da agenzie intermedie e metodi pubblicitari. Ma non tutti puntano sulle stesse strategie.

Marketing aggressivo

Internet svolge un ruolo importante nel reclutamento di madri surrogate. Agenzie e intermediari privati fanno pubblicità attraverso i social network, come l’equivalente russo di Facebook, VK. Le madri surrogate e i futuri genitori, al fine di evitare costose agenzie intermedie, possono includere i propri annunci sulle piattaforme online. Nei cosiddetti “programmi diretti”, le due parti sono in stretto contatto e possono concordare i termini della loro cooperazione. I programmi surrogati conclusi tramite le agenzie sono, al contrario, standardizzati e anonimi per entrambe le parti. Questo è un grande vantaggio, dicono le agenzie, perché il contatto è ridondante – la maternità surrogata è solo un rapporto di lavoro – e talvolta persino pericoloso: come “madri surrogate affamate di soldi” e “i genitori che vogliono controllare tutto” sono interessati solo al loro beneficio. Le agenzie portano molto qui, mescolando la retorica della paura e assumendo così la posizione di difensore. Prima di tutto, i futuri genitori stranieri si prestano facilmente a questa retorica. Basandosi su un linguaggio e una conoscenza locale insufficienti, un viaggio attraverso un’agenzia locale è quasi inevitabile per loro.

Condizioni legali per le coppie tedesche

Ma sembra che la macchina promozionale sta funzionando bene tra i clienti ei clienti dalla Germania: La clinica indica che nel 2017 presumibilmente avevano 750 coppie tedesche che usavano i servizi di medicina riproduttiva – che è tre volte di più rispetto al 2014. Secondo l’ambasciata, quasi il 90% delle coppie tedesche che fanno la maternità surrogata in Ucraina collaborano con BioTexCom. La clinica indica anche la “collaborazione” con l’ambasciata, che quest’ultima nega. Ma il processo burocratico, nel frattempo, procede molto agevolmente e viene già portato “all’automatismo”: dopo la nascita del bambino, il padre e la madre surrogata devono firmare vari documenti in ambasciata. Tra le altre cose, il padre firma il riconoscimento della paternità e la madre surrogata dà il suo consenso. Un test genetico – come altri paesi lo richiedono in parte – non è necessario per questo. Dopo queste firme, il bambino riceve la cittadinanza tedesca e quindi il passaporto tedesco. Il certificato di nascita ucraino – nel nome dei genitori, in cui, tuttavia, la madre surrogata non appare – così come la dichiarazione notarile della madre surrogata, non è riconosciuta secondo la legge tedesca. Il trasferimento della custodia alla futura mamma avviene più tardi, cioè dopo la cosiddetta “adozione del figlio del coniuge”. Nel duplicato del certificato di nascita, nel certificato di nascita tedesco, viene menzionato il nome della madre surrogata. I genitori dovrebbero essere consapevoli che il loro bambino prima o poi scoprirà la madre surrogata.

“Un decennio fa, il processo burocratico di maternità surrogata nell’ambasciata tedesca era ancora completamente impensabile”, ha commentato il dipendente. “Da allora, è emerso un atteggiamento più democratico nei confronti di questo; ma ancora l’intero processo è durato più di un anno. Oggi, il processo viene eseguito rapidamente ed efficientemente in poche settimane. Nel frattempo, ci fu un atteggiamento più aperto al soggetto. Alcuni anni fa, i genitori spesso cercavano di nascondere la maternità surrogata. Ora le coppie menzionano la maternità surrogata direttamente e più accuratamente informate sulla procedura. Questo ha i suoi vantaggi, ma può anche portare al fatto che i genitori saranno più esigenti verso l’ambasciata e si arrabbieranno se il processo durerà più a lungo di quanto avevano programmato per loro stessi. Ma non ci sono garanzie per una linea di condotta regolare. L’ambasciata tedesca avverte sulla sua pagina che “in alcuni casi l’uscita dei bambini è impossibile e possono essere collocati in un orfanotrofio” e quindi “in genere non consiglia di prendere parte ai programmi di maternità surrogati ucraini”.

Per i dipendenti dell’ambasciata, l’attuale approccio all’argomento è “una decisione perfettamente buona”. Sono contenti della precisa regolamentazione e del fatto che non hanno bisogno di giocare a detective. Ma temono che un giorno arriverà una valanga che non saranno in grado di fermare. “La maternità surrogata non può essere vietata”, ha detto il funzionario dell’ambasciata. Per il futuro, è necessario trovare un modo per demotivare i genitori dal venire in Ucraina. Allo stesso tempo, è necessario garantire che i figli dei genitori, che comunque hanno scelto questa strada, non finirebbero in un vuoto giuridico. La migliore possibilità a suo parere sarebbe un emendamento alle leggi ucraine che proibiscono la maternità surrogata per le coppie straniere.

Cinclusione

Ora nel parlamento ucraino vengono discussi progetti di questo genere. Ciò può avere conseguenze di vasta portata: alcune leggi prevedono la maternità surrogata, così come altre misure di tecnologia riproduttiva assistita solo per le coppie con residenza permanente in Ucraina e / o per le coppie provenienti da paesi in cui è consentita la maternità surrogataInoltre, dovrebbe essere introdotto un limite di età per i futuri genitori. Ma tutto si è calmato attorno a un possibile cambio di legge. I dipendenti del consolato dubitano che una decisione verrà in parlamento in parlamento nel prossimo futuro. Per il momento, il governo ha altre priorità e forse le cliniche e le agenzie vogliono scoraggiare attivamente i cambiamenti della legge. Queste istituzioni sono i maggiori beneficiari del business riproduttivo. Lottano non solo attraverso informazioni fuorvianti, ma anche attraverso la monopolizzazione delle informazioni per ottenere un mercato redditizio. Come il pendente tra i futuri genitori e la madre surrogata hanno molto potere, influenza e manipolare la comunicazione tra le parti e le loro relazioni. Il governo, che, per la sua attuale posizione legislativa molto rudimentale, ha varie possibilità di sviluppo. Se in Ucraina si tratta di integrare la legge, sarebbe auspicabile che si ponga anche l’obiettivo di una migliore protezione per le madri surrogate e anche i genitori.

Le conversazioni con i dipendenti del dipartimento legale e consolare dell’Ambasciata tedesca si sono svolte a Kiev nel periodo dal 2015 al 2018.

L’autore:

Veronika Siegl, che ha difeso la sua tesi di dottorato, ma non ancora laureata, è assistente all’Istituto di antropologia sociale e insegnante freelance presso il centro interdisciplinare per la ricerca di genere dell’Università di Berna. Come parte della sua tesi: “Fragile Truths.The Ethical Labor of Doing Trans-/national Surrogacy in Russia and Ukraine” (2018) ha esplorato la pratica controversa della maternità surrogata commerciale.

 

Troverete l’articolo originale qui, p. 8-13 ->

 

Print article

Leave a Reply

Please complete required fields